5x mille

Il 5 per mille è una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no-profit per sostenere le loro attività.

Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730, ovvero apposita scheda allegata al CUD per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di redigere la dichiarazione)


È consentita una sola scelta di destinazione.


Oltre alla firma, il contribuente può altresì indicare il codice fiscale di un singolo soggetto cui intende destinare direttamente la quota del 5 per mille, traendo il corrispondente codice fiscale dagli elenchi pubblicati.

La scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille di cui alla legge n. 222 del 1985 non sono in alcun modo alternative fra loro.


La donazione, effettuata tramite la dichiarazione dei redditi va intestatata a:

ARCO - Via Gioconda,5

26100 Cremona - T. 0372.408144

C.F. 93048550193


Tra le novità più rilevanti introdotte dalla Legge Finanziaria per il 2008 v’è l’obbligo, per gli enti che hanno ricevuto il contributo del 5 per mille, di redigere un apposito e separato rendiconto – corredato da una relazione illustrativa - nel quale devono indicare in modo chiaro e trasparente quale sia stata la destinazione delle somme percepite.


La redazione di questo documento dovrà essere effettuata entro un anno dalla ricezione del contributo.



  1. Nuovi sistemi di laboratorio per identificare la terapia oncologica “ad personam”